Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

IL SUONO CHE PARLA


Prezzo*: € 15,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Rosa Vieni

IL SUONO CHE PARLA

Percorso di scrittura creativa ed espressione rap nell’Istituto Penale Minorile di Airola

 

Prefazione di Francesco Vespasiano 


Questo libro propone un’analisi socio-educativa realizzata all’interno del carcere minorile di Airola, svolta dall’Autrice, che lavora istituzionalmente con i ragazzi devianti da venti anni. Attraverso l’osservazione e gli interventi educativi, contemplati nel suo mandato istituzionale, ha sperimentato uno strumento culturalmente e socialmente accettato e apprezzato, gradito ai ragazzi: la musica rap. La forte valenza espressiva di questa cultura e le relazioni positive che si creano attorno ad essa, costituiscono uno strumento “terapeutico” che aiuta a sciogliere i “nodi dolorosi” di chi è portatore di disagio sociale ed esistenziale. L’uso di questo linguaggio musicale, in una situazione di restrizione della libertà personale, rappresenta una strategia pedagogica efficace, per creare un canale di comunicazione tra il “mondo interno” e quello “esterno” degli adolescenti: trasmette messaggi sociali, convoglia energia e umori giovanili. Può essere, quindi, definito un “bene culturale esperienziale”. L’elevato coinvolgimento emotivo prodotto dalla musica rap, da parte di chi crea come da parte di chi fruisce, la rende uno strumento di arricchimento personale e culturale, da utilizzare come un potente mezzo nell’ambito pedagogico e da tenere presente nella programmazione dei piani educativi e trattamentali per i caratteri difficili e devianti, perché “Il suono che parla” spiana la strada ai sentieri identitari ed espressivi degli adolescenti e dei giovani.



Rosa Vieni, sociologa e counselor, si occupa di formazione, politiche sociali e devianza. Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale L.I.B.R.A., lavora presso il Dipartimento Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia dal 1996, come Funzionario della Professionalità Pedagogica presso l’Istituto Penale per Minorenni di Airola (BN) dal 2000. Ha pubblicato: con Federico D’Agostino, Giovani di paese in un mondo globalizzato. Una ricerca nel mezzogiorno d’Italia, Carocci, 2012; “Le tecniche del counseling integrato nella professione educativa: una sperimentazione in Istituto Penale Minorile”, in: Autori Vari, Cum-Munus. Relazione, alterità e dono, Passione Educativa, 2014.


ISBN 978-88-89883-97-6

formato 14 x21

p. 128

Euro 15 (iva inclusa)




Prodotti correlati
È solo un passaggio




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies