Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Narrativa dal manicomio
Scrizioni ir-ritate
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

ANTONIN ARTAUD NEL VORTICE DELL'ELETTROCHOC


Prezzo*: € 13,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

IDA SAVARINO


ANTONIN ARTAUD

NEL VORTICE DELL’ELETTROCHOC


“È una storia di dolori. Come la mia ce ne sono altre, ma questa è torbida, deriva cioè da una causa che il mondo e la società vorrebbero tener nascosta a qualsiasi prezzo. Proprio per questo voglio parlarne”. Quando Antonin Artaud, nel 1947, dopo nove anni di internamento, poté uscire dall’asilo psichiatrico di Rodez, gridò al mondo la sua denuncia. Ritenendo di essere stato vittima di un “infame sequestro di persona”, si scagliò contro tutti coloro che avevano voluto privarlo della sua identità. In manicomio Artaud aveva subìto innumerevoli aggressioni, testimoniate da tracce visibili sul corpo, ed era stato sottoposto, contro la sua volontà, a più di cinquanta elettrochoc. “Sotto la scarica di corrente mi ero addormentato male e ricordo di essermi rigirato stravolto per un tempo indefinito… Volteggiavo nell’aria come un pallone prigioniero chiedendomi da quale parte si trovasse la strada… In seguito seppi che il dottor Ferdière, credendomi morto, aveva ordinato di portarmi alla morgue e che mi aveva salvato il mio risveglio in quel momento”. Artaud denuncia con lucidità e precisione le pratiche violente dell’istituzione psichiatrica, prima fra tutte l’elettrochoc. In questo saggio l’autrice ripercorre la storia della reclusione di Antonin Artaud che, con le sue forze creative d’uomo e d’artista, seppe trasformare il cumulo di macerie in cui era stato ridotto il suo essere in una costruzione umana e poetica unica e sublime.


Ida Savarino è nata nel 1961 a Savona dove vive ed insegna. È autrice del saggio Simone de Beauvoir svelata dalle lettere a Sartre soldato, Vallecchi, 1995. Collabora con periodici italiani, francesi e svizzeri.


ISBN 978-88-98963-26-3

formato 14x21

pagine 120

Prima edizione: 1998 Ristampa: maggio 2015 



Prodotti correlati
Critica al giudizio psichiatrico
ELETTROSHOCK
LA CRITICA PSICHIATRICA nelle opere di Szasz e Foucault
TSO Un'esperienza in reparto psichiatria




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies