Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
saggi
storie
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

LA BABELE AMBULANTE

Prezzo*: € 13,42   Siamo spiacenti, il prodotto non è al momento disponibile.

Richiedi avviso

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

LA BABELE AMBULANTE non è un'analisi sociologica e neppure economica del fenomeno delle migrazioni. Ma il leit-motiv che è suonato, costante, di sottofondo durante le giornate di un convegno singolare svoltosi a Roma nel novembre 1999 organizzato dall'Istituto San Gallicano con il suo servizio di Medicina Preventiva delle Migrazioni.

Tutto il mondo è paese. Nel senso che dappertutto, nei cuori umani, albergano gli stessi sentimenti base, lo stesso attaccamento alla propria terra e ai propri cari, lo stesso bisogno di conoscere. Ma il potere ha creato i confini e con i confini le differenze. E con le differenze la diffidenza. E con la diffidenza l'emarginazione. Tuttavia l'uomo, da qualunque parte provenga, è come un virus: nessun confine potrà maiu fermarlo, la sua mente e il suo cuore cercheranno, sempre, un altrove che non conoscono ancora e di cui vogliono prendere possesso. No, non è un'analisi sociologica e neppure economica del fenomeno delle migrazioni. Ma il leit-motiv che è suonato, costante, di sottofondo durante le giornate di un convegno singolare svoltosi a Roma nel novembre 1999 e che ogni anno, puntuale si ripete, organizzato dall'Istituto San Gallicano con il suo servizio di Medicina Preventiva delle Migrazioni.

Nel pentolone di Gaia, terra madre, "immigrazione e società multiculturale rappresentano un'inquietudine per tutti, si può considerarla una risorsa oppure una iattura, ma certo non si può impedire che esista. E forse proprio questo è il vantaggio". Il vantaggio di scoprire che ogni Paese è mondo e viceversa. Che il cuore degli uomini è uno solo, così com'è una sola la sua paura. Raggiunta questa consapevolezza, tutto filerà liscio. Utopia? No, sani istinto di sopravvivenza. Della specie.






Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies