Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

QUALCUNO DICE "NO!"


Prezzo*: € 18,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione



ROBERTO CAPPUCCIO

QUALCUNO DICE “NO!”


PREFAZIONE DI CLAUDIO BETTI


Questo libro si colloca fra la storia e la psicologia sociale, fra la saggistica di ricerca culturale e la narrativa. La prima parte è un’antologia di vicende biografiche eccezionali relative a personaggi che, a rischio della vita, hanno disobbedito a ordini criminosi ricevuti dalle autorità istituzionali per seguire il proprio codice etico. Si tratta per lo più di “eroi” noti ai soli addetti ai lavori (Silas Soule, Anton Schmid, Hugh Thompson, ma anche Irena Sendler e Giorgio Perlasca, assieme ad altri). L’indagine storica spazia dalla Guerra d’Indipendenza americana all’Olocausto e alla guerra del Vietnam. La seconda parte è volta alla ricerca dei fattori che condizionano il comportamento di obbedienza cieca e quello di eroica insubordinazione all’autorità, muovendo dalle prime osservazioni di Stanley Milgram e dalla teoria di Hannah Arendt sulla banalità del male. Vengono così passati in rassegna i contributi forniti da diverse discipline (psicologia sociale, psichiatria, neuropsicologia, teologia, filosofia) alla comprensione del “bene” e del “male” quali caratteri del comportamento umano. Con gli stessi strumenti di giudizio, vengono analizzate la condotta dei militari in guerra e le ripercussioni che l’esposizione ai combattimenti determina sullo stato mentale dell’essere umano. La ricerca di un fattore comune alle condotte altruistiche evidenzia l’importanza della regola aurea, comune alle religioni e alla cultura dell’antica Grecia e posta a fondamento del progetto di un’etica mondiale.


ROBERTO CAPPUCCIO è nato a Roma. Laurea in Medicina e Chirurgia e specializzazione in psichiatria presso l’Università di Pisa, training psicoanalitico. Ex dirigente sanitario per la disciplina di Psichiatria nel SSN, ex emerodromo. Ha pubblicato opere di saggistica, fra le quali “Dalla dissidenza politica alla malattia mentale, percorsi esistenziali all’interno delle carceri”, su Rivista storica dell’Anarchismo; “Teorie scientifiche e fenomeni sociali nell’Italia di fine secolo”, su Rivista storica dell’Anarchismo; “Considerazioni circa le prime teorie psicoanalitiche sui disturbi dell’umore”, su Psicoterapia e Scienze umane. Per la narrativa: L’Aviatore dagli occhi d’oro, ETS, 1998; Mi facete vedere? Una bambina alla scoperta del mondo, ilmiolibro, 2013.


ISBN 978-88-98963-79-9

formato 14x21 cm

p. 240







Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies