Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
Incontri Sensibili
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

IL DOMINIO FLESSIBILE

Prezzo*: € 13,00   Siamo spiacenti, il prodotto non è al momento disponibile.

Richiedi avviso

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

Dominio flessibile è quello scambio simbolico e ineguale tra la disponibilità ad accogliere in tempo reale le richieste variabili dell’azienda, e una inclusione rischiosa, temporanea e comunque incerta nei suoi piani produttivi. Nell’attuale ipermercato neoliberista del lavoro esso tende sempre più ad assumere una funzione dominante e paradigmatica.  La ricerca che questo libro presenta è opera di un cantiere socianalitico composto da lavoratrici e lavoratori della grande distribuzione. Muovendo dalle forme più fluide del lavoro, essa esplora i dispositivi e i miti della flessibilità. Ma anche i traumi, le ansie, le angosce e le paure che i processi di individualizzazione esasperata, di precarizzazione generalizzata e di insicurezza strutturale portano con sé. E si affaccia, infine, sulle dinamiche di quella ‘zona grigia’ in cui, i tentativi di sopravvivere ai dispositivi totalizzanti, frantumano la forza lavoro in un pulviscolo di monadi solitarie protette da una pellicola d’indifferenza morale e nondimeno afflitte da un’endemica sofferenza identitaria.  Le tante storie raccolte e  raccontate, d’altra parte, mentre ci mostrano l’illusorietà delle soluzioni biografiche, ci invitano a riflettere sul fatto che nel dominio flessibile, sopravvivere è più che mai ‘questione comune’ orientata ad istituire il diritto universale, per troppi negato, alla piena cittadinanza.




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies