Cerca:
Login: Password: Registrati
Ricorda password
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
CONTATTI
INCONTRI SENSIBILI
RETE DI SENSIBILI ALLE FOGLIE

Altre Culture
Analisi istituzionale
Cantieri di socianalisi narrativa
Diversamente abili
Fantascienza
Fantasy
Immigrazione
Istituzioni totali
L'evasione possibile
Lutto
Malattia
Narrativa sociale
Pedagogia
Poesia
Progetto memoria
Psichiatria critica
Ricerca sociale
Scenari di guerra
scuola
Servizio sociale
Stati modificati di coscienza
Storie di vita

L'AMBASCIATRICE DEI DRAGHI
Dettagli € 23,00

LE ISTITUZIONI DELL'AGONIA


Prezzo*: € 12,00 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

NICOLA VALENTINO


LE ISTITUZIONI DELL’AGONIA

ERGASTOLO E PENA DI MORTE



Nel mondo, una parte dell’umanità vive una condizione di agonia, non a causa di una malattia terminale, ma perché viene ridotta in agonia, posta in agonia, attraverso due istituti dei sistemi penali che sono la pena di morte e l’ergastolo. Di queste pene capitali è qui delineata la sostanziale similitudine, attraversando le esperienze delle persone nei bracci della morte e di quelle condannate “fino alla morte del reo”.

Le 1677 persone attualmente all’ergastolo in Italia costituiscono una presenza luttuosa per la società, o meglio, per quelle porzioni di società che non desiderano, non vogliono, che una persona possa essere condannata fino alla morte. Vestire il lutto per l’esistenza di una morte sociale da pena capitale può costituire un modo per rendere palese ciò che viene celato istituzionalmente, oppure culturalmente giustificato attraverso la mostrificazione dei condannati. Questo libro sollecita anche uno spostamento lessicale rispetto all’uso di parole che celano la crudezza della condizione. Solo l’abolizione dell’ergastolo e l’attestarsi del sistema penale sulle pene temporali che già esistono, può rimettere in gioco parole abusate nella narrativa sull’ergastolo come il termine speranza. La sua simbologia può avere un valore e un senso solo se è scritta in sentenza una data di fine pena.


Nicola Valentino, socio fondatore di Sensibili alle foglie e direttore artistico dell’Archivio di scritture, scrizioni e arte ir-ritata, svolge attività di ricerca sulle istituzioni totali. Su questi temi, per queste edizioni, ha pubblicato: con R. Curcio e S. Petrelli, Nel bosco di Bistorco, 1990; Ergastolo, 1994; con R. Curcio, Nella città di Erech, 2001; L’ergastolo dall’inizio alla fine, 2009; con R. Curcio, M. Prette, La socioanalisi narrativa, 2012; e curato Lia Traverso, D’ogni dove chiusi si sta male, 1996; I sogni di Palmi, 2012; Liberi dall’ergastolo, 2016.


ISBN 978-88-98963-82-9

formato 11,50x20 cm

pagine 96



Prodotti correlati
L'ERGASTOLO
LIBERI DALL'ERGASTOLO
L'INFERNO DI PIANOSA
MAI




Torna alla homepage




PIVA: 03917011003 | Uso dei cookies